Sarzana, c’è “Un solo infermiere, donazioni di sangue a rischio”

Situazione insostenibile all’ambulatorio prelievi del San Bartolomeo. La denuncia di Nursind: “Il rischio è che si possano perdere quei donatori di sangue che, legittimamente, si scoraggeranno dei tempi di attesa per poter effettuare la donazione”

Una sola unità di personale infermieristico, distaccata dall’ospedale della Spezia, per far fronte a tutte le attività dell’ambulatorio prelievi al San Bartolomeo di Sarzana. Infermiere che, ovviamente, non ce la fa a far sì che il servizio reso ai cittadini sia accettabile.

A denunciarlo è Assunta Chiocca, responsabile provinciale del sindacato Nursind, secondo cui la situazione “sta causando serie difficoltà nella gestione delle attività di donazione con inevitabili disagi ai cittadini che per donare il sangue si vedono costretti a interminabili code e tempi biblici. Circostanza in grado di smorzare qualsiasi desiderio di solidarietà.

Chiocca, le cui parole sono state riportate da La Nazione, sostiene che I ritardi saranno infatti inevitabili affinché il donatore possa effettuare la donazione in sicurezza e il rischio è che si possano perdere quei donatori che, legittimamente, si scoraggeranno

dei tempi di attesa per poter effettuare la donazione”.

Ovviamente trattasi di una situazione cronica, che perciò insinua diverse domande. Le solite. E Nursind, infatti, sottolinea l’anomalia nella gestione del servizio, calcolando anche che stiamo andando inesorabilmente incontro al periodo estivo, già di per sé arido di donatori di sangue e in cui garantire le attività operatorie in sicurezza è un’impresa.

Chiocca conclude: Riteniamo paradossale che si tenga ‘frenato’ un servizio così delicato ed importante che dispone di grandi potenzialità quando basterebbe assegnare al centro di Sarzana almeno un’altra unità di personale infermieristico che garantirebbe la possibilità di effettuare donazioni in contemporanea in sicurezza. Se non verrà assegnato altro personale, i disagi che potranno verificarsi al centro trasfusionale di Sarzana sono indipendenti dalla volontà del personale infermieristico che ci lavora”.

Alessio Biondino

Redazione Nurse Times

Leave a Comment
Share
Published by
Redazione Nurse Times

Recent Posts

Vaccini: infermieri minacciati di licenziamento. L’Aadi segnala il Policlinico Umberto I di Roma

La Adi (Associazione avvocatura degli Infermieri), a seguito di numerose segnalazioni pervenute quest’oggi, che l’Azienda…

4 ore ago

NUOVO DECRETO LEGGE

INTRODOTTO LO “SCUDO PENALE” PER CHI SOMMINISTRA IL VACCINO E L’OBBLIGO VACCINALE PER IL PERSONALE…

8 ore ago

Elezioni Organi Fnopi: Noi dalla parte della verità, sempre!

Come avevamo raccontato e anticipato nel nostro articolo (Vedi) sono state distribuite le cariche nel…

8 ore ago

Il casco, il supporto ventilatorio per i pazienti Covid

Il "casco" (in inglese helmet) è uno strumento che permette ai pazienti con grave insufficienza…

21 ore ago

Una malattia simile alla Wmucca pazza” in Canada uccide 5 persone

In Canada dove sono stati segnalati oltre 40 casi di una misteriosa malattia simile alla…

22 ore ago