Con le ferie estive è rimasta una sola unità lavorativa disponibile, insufficiente per far fronte all’assistenza giornaliera di un numerosi utenti.

Vibrata protesta dei dializzati in cura all’ospedale di Soriano Calabro per via di continui disagi e disfunzioni del servizio, derivanti dalla sistematica mancanza di infermieri. Nel periodo estivo, con parte del personale in ferie, la situazione peggiora ancora di più. Il reparto Dialisi, infatti, è rimasto con una sola unità lavorativa disponibile, insufficiente per far fronte all’assistenza giornaliera di un numero consistente di utenti.

Ma il problema non si presenta solo in agosto. Anche durante il resto dell’anno, a organico completo, gli infermieri sono sottoposto a turni massacranti. Del caso si sta occupando l’Aned (Associazione nazionale emodializzati), che ha invocato un pronto intervento delle autorità competenti. “I pazienti – ha commentato il vicesegretario nazionale Pasquale Scarmozzinonon sono dei pacchi postali che si possono spostare a piacimento, ma persone bisognose di cure”.

Nei giorni scorsi, vista la carenza di personale, la direzione del reparto è stata costretta a trasferire tre dializzati in altre strutture della provincia. Il responsabile del reparto, dottor Antonio Pugliese, in qualità di segretario provinciale della Cisl Medici, ha dichiarato: “Quanto si sta verificando all’ospedale di Soriano è il frutto del fallimento di sette anni di piano di rientro, che non risponde alle reali esigenze delle strutture sanitarie della nostra regione”.

Redazione Nurse Times

Fonte: www.zoom24.it